Le nuove normative federali interessano gli accreditatori

Le modifiche normative federali del Dipartimento dell’Istruzione, che entreranno in vigore il 1 ° luglio, stanno avendo un impatto sul modo in cui gli organismi di accreditamento, compreso il Consiglio per l’istruzione AVMA, conducono gli affari. Il Congresso ha rinnovato la Legge sulle opportunità di istruzione superiore nell’agosto 2008. Tuttavia, sono seguite due tornate di regole negoziate e il DOE non ha emesso la sua guida iniziale e le sue interpretazioni dei nuovi regolamenti fino a gennaio 2009, con scadenza 1 luglio 2010 , per l’implementazione. Alla fine di maggio, il consiglio ha esaminato e rivisto il suo manuale sulle politiche e procedure di accreditamento in otto aree per conformarsi al nuovo linguaggio introdotto durante la riautorizzazione dell’atto.

Le modifiche al manuale sono state apportate con l’assistenza del personale AVMA e il contributo di un avvocato specializzato in diritto dell’accreditamento. Le modifiche sono diventate effettive immediatamente.

“Abbiamo discusso ogni cambiamento e le implicazioni che ogni cambiamento potrebbe avere sulle nostre procedure di lavoro, e abbiamo seguito il nostro consueto processo parlamentare per votare l’accettazione di ogni cambiamento”, ha detto la dottoressa Laurie A. Jaeger, presidente del COE.

Alcuni dei cambiamenti sono stati sostanziali, come le modifiche al processo di ricorso, mentre altri hanno semplicemente aggiunto chiarezza e coerenza alla formulazione delle politiche. La nuova formulazione della politica è disponibile all’indirizzo www.avma.org/education/cvea/coe_pp.asp.

Tra i cambiamenti più importanti vi è il fatto che ora, in caso di decisione negativa sull’accreditamento, il consiglio fornirà al pubblico una sintesi dei motivi della decisione insieme ai commenti ufficiali del programma o, almeno, la prova che il programma è stato data l’opportunità di commentare dal COE.

Si chiede inoltre agli organismi di accreditamento di monitorare la crescita delle istituzioni su base annuale. L’iscrizione è qualcosa che il consiglio dell’AVMA ha sempre monitorato, compreso il numero di studenti ammessi in ogni classe e il tasso di abbandono, attraverso la revisione dei rapporti intermedi annuali delle istituzioni e dei documenti di autoapprendimento.

Per conformarsi alle nuove linee guida, il COE ha semplicemente specificato l’entità del cambiamento di iscrizione su cui sarebbe interessato: una diminuzione dell’iscrizione del 10% o più. Anche se la modifica non influisce in modo sostanziale sulle procedure operative, fornisce una guida più specifica agli amministratori delle scuole e dei college veterinari, ha affermato il dott. Jaeger.

Le più grandi revisioni effettuate dal COE per conformarsi alle nuove normative federali riguardano il giusto processo offerto alle istituzioni in fase di valutazione per l’accreditamento e la struttura del processo di ricorso.

Prima, quando il COE prendeva una decisione negativa in merito all’accreditamento, inviava informazioni all’ente sulle carenze individuate nello stesso momento in cui notificava all’istituzione la decisione.

Ora, il consiglio fornirà all’istituto l’opportunità di presentare una risposta scritta in merito a eventuali carenze identificate dal team del sito. Questa risposta sarà presa in considerazione dal consiglio prima di intraprendere qualsiasi azione.

Se il COE prende una decisione negativa e l’istituzione presenta un ricorso, il programma può ora richiedere la revisione COE di nuove informazioni finanziarie che non erano disponibili al momento in cui è stata presa la decisione. Tuttavia, questa nuova politica si applica solo se le informazioni hanno un’incidenza sostanziale sulle carenze individuate e se le finanze hanno rappresentato l’unica ragione per la decisione negativa di accreditamento. Inoltre, il consulente legale del programma ha ora l’opportunità di fare una presentazione durante l’appello.

I regolamenti dell’Higher Education Opportunities Act hanno anche indotto il COE ad adeguare il modo in cui è formato il panel di ricorso.

D’ora in poi, la commissione per i ricorsi sarà composta da sette persone anziché da cinque. Altre modifiche alla politica apportate per garantire che il consiglio sia in conformità federale sono che il pannello includerà educatori veterinari, professionisti e un membro pubblico e che verrà fornita formazione aggiuntiva ai membri del pannello.

Il Dr. Jaeger ha detto che queste modifiche sono “in realtà solo dichiarazioni esplicite di ciò che probabilmente sarebbe stato fatto comunque per assemblare un gruppo equilibrato, imparziale e qualificato”.

In base ai nuovi regolamenti, la commissione per i ricorsi avrà l’autorità di affermare, modificare o revocare una decisione negativa di accreditamento da parte del consiglio. Questa nuova politica contrasta con la precedente politica del Consiglio di amministrazione che affermava che il pannello poteva affermare la decisione o raccomandare che il consiglio riconsiderasse.

Le politiche e le procedure emendate dal consiglio saranno applicate alle scuole straniere e nazionali su tutta la linea, in linea con i requisiti per il continuo riconoscimento da parte del DOE e del Council for Higher Education Accreditation.

Il dottor Jaeger ha affermato che ciò include la precedente decisione di accreditamento del Consiglio in merito all’Universidad Nacional Autonoma de México Facultad de Medicina Veterinaria y Zootecnia e il successivo appello presentato dalla scuola a marzo (vedere JAVMA, 15 maggio 2010, pagina 1033).

In conformità con le modifiche apportate per conformarsi alle linee guida DOE, il consiglio era tenuto a liberare la sua precedente decisione in modo che l’UNAM potesse rispondere per iscritto a ciascuna carenza rilevata nel rapporto di valutazione prima della decisione di accreditamento. Il consiglio prenderà in considerazione la risposta anticipata dell’UNAM nella prossima riunione del 19-21 settembre presso la sede dell’AVMA.

Le nuove normative federali interessano gli accreditatoriultima modifica: 2021-04-22T09:28:40+02:00da mmcorsi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento