Salvataggio di animali domestici nel disastro del WTC di New York

1616David Dunn, 31 anni, stava dormendo martedì, settembre. 11. È stato svegliato dal telefono e un amico gli ha chiesto se ha sentito che un aereo si è schiantato contro il World Trade Center. Dunn non rimase intontito a lungo. Guardò fuori dalla finestra e vide il fumo che soffiava verso la sua finestra. Dunn viveva a Gateway Plaza, una serie di edifici residenziali a un solo isolato dal WTC. Dunn sentì il suo edificio tremare quando il secondo aereo colpì. “A quel punto, ho pensato che sarebbe stato meglio eliminare Faetza”, dice, riferendosi al suo mix di cane Rottweiler / pastore tedesco di 11 anni.

Mentre il suo cane faceva i suoi affari nel cortile, i vicini urlavano inorriditi mentre guardavano le persone che saltavano verso la morte dal WTC. Dunn dice che era così vicino che ricorda cosa indossavano alcune di quelle persone. Tornò nel suo appartamento e vi lasciò il cane. Immaginava che Faetza sarebbe stata più sicura e più felice in casa. Tornati nel cortile, i sopravvissuti del WTC sotto shock si sono uniti a Dunn. Alcuni si sono voltati per guardare il fuoco, altri hanno continuato a camminare in uno stato di “zombie”.

Qualche istante dopo la seconda Torre implose. “Abbiamo dovuto scappare per salvare le nostre vite”, dice Dunn. “Le madri hanno afferrato i loro bambini e hanno lasciato i passeggini.”

Dunn dice che è una fortuna che Faetza non fosse con lui. “Non è possibile che il mio cane artritico avrebbe potuto correre – non sarebbe vivo oggi.”

Migliaia di civili furono portati via dalla scena, la maggior parte con il traghetto, alcuni nel New Jersey, Dunn sbarcò su un molo nel lato ovest di Manhattan. Fortunatamente, ha un amico nella zona, con il quale sta da allora.

Non aveva idea di cosa fosse successo alle sue cose, ma non gliene importava molto. Voleva solo vedere Faetza. “Mercoledì non ero troppo preso dal panico, ma giovedì stavo diventando frenetico”, dice. Faetza, che ha problemi ai reni, aveva bisogno di acqua: era preoccupato se il suo cane non era in grado di bere, poteva morire.

Infine, dopo aver atteso dalle 13:00 giovedì, nove ore dopo, è stato scortato nel suo appartamento da un ufficiale dell’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA). Gli sono stati dati cinque minuti per prendere il suo cane e tutti gli effetti personali che può portare.

“Non sono mai stato così felice di vedere Faetza”, dice. Fortunatamente, come tanti ragazzi, Dunn ha lasciato il water aperto, così il suo cane poteva bere.

A causa dei suoi problemi ai reni, Faetza è stato addestrato a usare il box doccia per alleviare se stesso. E, sorprendentemente, è proprio quello che ha fatto il cane.

Dunn dice: “Ho preso il mio passaporto e il mio laptop, ma a parte Faetza, è tutto quello che mi è rimasto”. Sebbene l’edificio di fronte al suo fosse gravemente danneggiato, l’edificio di Dunn sembrava subire piccoli effetti negativi. Tuttavia, dice che potrebbe non essere autorizzato a tornare per un altro mese. “Avere il mio cane mi fa sentire molto meglio”, dice. “È più di un semplice animale domestico.”

Dunn è stato uno dei fortunati. Mentre alcuni animali domestici sono stati salvati già giovedì, la maggior parte del recupero degli animali domestici non è iniziata fino a sabato pomeriggio, quattro giorni dopo l’attacco terroristico.

Non è che l’ASPCA e altre organizzazioni umanitarie non fossero disponibili, anzi, le organizzazioni si sono mobilitate con una velocità sorprendente. Sia l’ASPCA Care-A-Van che l’SPCA della contea di Suffolk erano sulla scena già mercoledì mattina, offrendo assistenza ai cani da ricerca e soccorso. Tuttavia, entrare nelle migliaia di residenti nelle vicinanze si è rivelato difficile. Molti di questi edifici erano considerati non sicuri per l’ingresso. Inoltre, le autorità governative non consentivano l’accesso alle immediate vicinanze del disastro, una scena del crimine. Un altro problema si è rivelato essere la confusione tra le varie organizzazioni umane e i funzionari del controllo degli animali della città, su chi ha giurisdizione e autorità.

Valerie Angeli, direttrice dell’informazione pubblica e dei progetti speciali presso l’ASPCA afferma che le comunità di tutto il paese dovrebbero prepararsi in anticipo per le emergenze, quindi non ci sono ambiguità sulle responsabilità specifiche e sull’autorità delle agenzie umane e delle organizzazioni governative per il controllo degli animali.

Alcuni residenti non stavano per aspettare. Nonostante si mettessero in pericolo e infrangessero la legge, erano così determinati a salvare i loro animali domestici che sono riusciti a intrufolarsi nei loro edifici. Almeno alcuni super di edifici hanno portato gli animali domestici agli inquilini in attesa.

Tuttavia, giovedì la sicurezza è stata rafforzata, rendendo sempre più difficile sfondare qualsiasi residente. Gli investigatori e gli agenti dell’ASPCA hanno potere di polizia e ai residenti è stato permesso di tornare per recuperare gli animali domestici solo se accompagnati da un investigatore o agente dell’ASPCA. JoAnn Sandano, un agente speciale dell’ASPCA, dice che c’erano parti degli aeroplani, scarpe (presumibilmente indossate dalle vittime) ed effetti personali degli uffici sparsi per i blocchi. E la polizia e l’FBI stavano esaminando l’area in cerca di prove.

Almeno una dozzina di gruppi umani da lontano come Best Friends Animal Sanctuary nello Utah hanno inviato rimorchi per trattori pieni di provviste per animali domestici e cibo. L’Animal Planet / American Humane Association Disaster Relief Vehicle ha svolto commissioni nei negozi di animali, in particolare in associazione con le organizzazioni benefiche PETsMART. Hanno anche fornito imbracature e guinzagli all’unità K-9 della polizia di New York. Tuttavia, l’attenzione è rimasta sul salvataggio degli animali domestici. Finora, l’ASPCA ha riunito quasi 300 animali domestici con la sua gente. Ma non tutte le storie hanno un lieto fine. Alla ricerca di due gatti, Sandano è entrato in un appartamento in Cedar Street che si affaccia sul WTC. “I mobili erano esplosi, girati su un lato – sembrava che fosse esplosa una bomba”, dice. “I gatti se n’erano andati. Forse in qualche modo sono scappati, ma ”fa una pausa. “Ho ancora speranza, ma …”

Si ferma di nuovo: “I proprietari dei gatti hanno detto: ‘Abbiamo perso tutto ciò che abbiamo, ma abbiamo a che fare con questo – perdere i nostri gatti – ora, è insopportabile”.

Sandano dice che ciò che la fa andare avanti sono le storie di successo. Lei e un ufficiale della Pennsylvania, che stava offrendo assistenza, hanno praticamente dovuto irrompere in un condominio perché il padrone di casa non si sarebbe presentato con la chiave. “Ash era ovunque – faceva caldo – difficile respirare, e ho pensato ‘come faremo a trovare un gatto qui?’ In quel momento, lei guardò in basso e c’era un gattino che offriva un leggero” miagolio “, come se dì: “È ora”.

Angeli afferma che migliaia di animali domestici potrebbero essere rimasti orfani – i loro proprietari si sono persi nel WTC – tuttavia, migliaia di residenti si sono già offerti di promuovere questi animali domestici. Non dovrebbero essere necessarie altre famiglie affidatarie. A causa delle generose donazioni, anche cibo, giocattoli e stivaletti non sono necessari. Invece l’ASPCA accetta donazioni in denaro. Per ulteriori informazioni, contattare www.aspca.org.

Salvataggio di animali domestici nel disastro del WTC di New Yorkultima modifica: 2021-03-16T09:15:57+01:00da mmcorsi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento